Circolari

Per gli atti ricevuti dal 1° gennaio, è elevata a 50.000 euro la soglia che richiede il reclamo/mediazione

(Agenzia delle entrate, circolare n. 30/E del 22 dicembre 2017) Per gli atti notificati a decorrere dal 1° gennaio 2018, la disciplina del reclamo/mediazione si applica alle controversie di valore fino a 50.000 euro. È scattata, infatti, la norma contenuta nel decreto legge n. 50/2017, che ha innalzato a quell’importo, dai precedenti 20.000 euro, la

READ MORE

Iper ammortamento: ok a micro opere murarie (se poco rilevanti)

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 152/E del 15 dicembre 2017) L’amministrazione finanziaria ha fornito importanti chiarimenti sull’iper ammortamento, la disciplina agevolativa introdotta dalla legge di bilancio 2017 per gli investimenti in beni strumentali finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Industria 4.0”: l nella determinazione del costo rilevante ai fini dell’iper

READ MORE

Accorpamento di tre appartamenti: sì ai benefici prima casa, anche se la seconda fu acquistata senza fruirne

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 154/E del 19 dicembre 2017) I benefici prima casa sono applicabili in caso di acquisto di un immobile, da accorpare ad altri due già posseduti che gli sono contigui, anche se per uno di essi non si è fruito dell’age­volazione al momento dell’acquisto. A patto, però, che l’immobile risultante dall’unificazione

READ MORE

Il convivente di fatto partecipa agli utili dell’impresa familiare

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 134/E del 26 ottobre 2017) Al convivente di fatto del titolare dell’impresa familiare spetta il reddito dell’impresa in misura proporzionale alla sua quota di partecipazione agli utili (comunque, non oltre il 49% dell’ammontare che risulta dalla dichiarazione dei redditi dell’imprenditore). A tal fine, occorre che tra i due sussista un

READ MORE

Stop alla Tari gonfiata (sono possibili rimborsi)

(Ministero dell’economia e delle finanze, circolare n. 1/DF del 20 novembre 2017) La quota variabile per la tassa sui rifiuti va conteggiata una sola volta, in riferimento all’intera superficie dell’utenza domestica, anche in presenza di eventuali pertinenze dell’abitazione. Pertanto, se il Comune ha utilizzato una diversa modalità di calcolo, si può richiedere il rimborso di

READ MORE

Mutuo per ristrutturare casa: il coniuge superstite può detrarre il 100% degli interessi passivi

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 129/E del 18 ottobre 2017) In caso di mutuo ipotecario per la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale acceso da entrambi i coniugi, qualora uno di essi venga a mancare prima che il pagamento del finanziamento sia stato completato, l’altro, effettuatane la voltura (ossia perfezionato l’accollo del mutuo), potrà portare

READ MORE

Benefici prima casa all’erede anche se già comproprietario con il coniuge deceduto

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 126/E del 17 ottobre 2017) Al coniuge che, in qualità di unico erede, diviene pieno proprietario di alcuni immobili già posseduti con il coniuge deceduto, spetta l’agevolazione “prima casa” per uno degli appartamenti caduti in successione. Non è di ostacolo alla fruizione dei benefici il fatto che, prima del decesso,

READ MORE

Non c’è divieto di cumulo tra il “bonus alberghi” e il “super ammortamento”

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 118/E del 15 settembre 2017) Il credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive (c.d. “bonus alberghi”) è fruibile contemporaneamente alla maggiorazione del 40%, ai fini dell’ammortamento, del costo di acquisizione, degli investimenti in beni strumentali (c.d. “super ammortamento”), sebbene le spese ammissibili alle due discipline di favore possano coincidere.

READ MORE

Locazioni abitative con cedolare secca e tardiva registrazione

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 115/E del 1° settembre 2017) Se ci si dimentica di comunicare al Fisco la proroga del contratto di locazione per il quale è stata espressa l’opzione per la cedolare secca, la sanzione dovuta per l’inadempimento può essere pagata in misura ridotta ricorrendo al ravvedimento operoso. La precisazione dell’amministrazione finanziaria prende

READ MORE